Regolamentazione Consob in Italia e valutazione di un buon broker di opzioni binarie

Regolamentazione Consob in Italia e valutazione di un buon broker di opzioni binarie

Coloro che investono in opzioni binarie in Italia non devono sottovalutare l’importanza dei controlli da parte del noto organo Consob e della sua verifica all’interno del broker prescelto per investire con relativa autorizzazione.

Solo quando presenti le opportune regolamentazioni in un broker è opportuno continuare la fase di registrazione e avvio delle operazioni di trading con le opzioni binarie.

Importante informarsi in materia in quanto il trading con le opzioni binarie è oramai sempre più diffuso tra le soluzioni di investimento online nei giovani trader, grazie anche alle opportunità concesse all’interno dei broker per poter iniziare con un deposito minimo molto basso e formazione specifica sul come operare.

Inoltre, è possibile trovare in rete tante utili risorse che permettono di approfondire ogni aspetto e curiosità del trading binario.

Il successo delle opzioni binarie in Italia degli ultimi anni, ha portato anche alla nascita di molti broker fasulli che in assenza delle dovute regolamentazioni si trasformano in potenziali truffe per i trader.

Comunicazione ufficiale della Consob riguardo il trading binario in Italia:

Comunicazione n. DTC/DIS/DIN/12055030 del 2-7-2012. Oggetto: Comunicazione in materia di opzioni binarie. Si sono diffuse nel mercato operazioni (“opzioni binarie” o “opzioni digitali”) che presentano una struttura simile a quella di una scommessa in quanto assicurano il pagamento di un importo predeterminato se l’evento (raggiungimento di un determinato livello di prezzo del titolo, indice o altro sottostante) si verifica, prima o entro una determinata scadenza temporale; nel caso in cui l’evento non si verifichi, l’”acquirente” l’opzione subisce la perdita di tutta la somma investita. Al riguardo, in data 28 marzo 2012 i Servizi della Commissione Europea, in risposta a specifico quesito circa la natura delle opzioni binarie, hanno chiarito che le stesse (1), “quali contratti derivati regolati in contanti, appaiono riconducibili alla definizione di strumenti finanziari. Di conseguenza, le società che offrono servizi e attività di investimento in opzioni binarie dovrebbero essere autorizzate come imprese di investimento [ovvero banche] ai sensi della MiFID”. Come indicato dai Servizi della Commissione Europea, le opzioni binarie, contratti derivati regolati in contanti, rientrano nel novero degli strumenti finanziari di cui all’Allegato 1, sez. C della direttiva 2004/39/Ce (“MiFID”): di conseguenza, tutti i soggetti che intendono prestare servizi di investimento aventi ad oggetto opzioni binarie verso il pubblico (italiano) devono essere dotati della necessaria autorizzazione rilasciata dalle competenti autorità.

E’ con tale comunicazione che la Consob, la commissione nazionale per le società e la Borsa, regolarizzò ufficialmente le piattaforme di broker opzioni binarie.

Il broker è autorizzato quando possessore di quella licenza specifica riconosciuta da un organismo nazionale di controllo, che rispetta precise norme e regolamenti impartiti dalla direttiva MIFID. La direttiva sui mercati degli strumenti finanziari (MiFID) è una legge dell’Unione Europea che prevede una regolamentazione armonizzata dei servizi di investimento attraverso i 30 Stati membri dello Spazio Economico Europeo (i 27 Stati membri dell’Unione europea più Islanda, Norvegia e Liechtenstein).

Obiettivo principale della direttiva è quello di aumentare la concorrenza e la tutela dei consumatori nei servizi di investimento.

Il MIFID, entrato in vigore dal 1° novembre 2007 ha profondamente inciso sul modo in cui i mercati dei servizi finanziari dell’UE operano. La direttiva contiene in se quelle misure che hanno contribuito a migliorare l’organizzazione e il funzionamento delle imprese di investimento, agevolando lo scambio transfrontaliero durante la creazione di opportunità strategiche. La Cyprus Securities and Exchange Commission (CySEC), l’omonima di Consob nell’isola del Mediterraneo, controlla che i broker delle opzioni binarie rispettino queste importanti normative MIFID.
In base alla normativa MIFID “tutte le società di investimento che hanno sede in uno Stato membro dell’unione europea e che hanno ottenuto dall’organo di controllo nazionale, apposita autorizzazione ad offrire servizi finanziari e di investimento, possono legalmente rivolgere i propri servizi a tutti gli altri paesi dell’unione”.

Nell’ ipotesi in cui un broker delle opzioni binarie con sede legale a Cipro dovesse ricevere dalla CySEC l’autorizzazione ad operare, questa disposizione sarebbe valida in qualunque stato (della UE) e non solo in quello di diretta appartenenza. Di conseguenza chi ha sede a Cipro ed è regolamentato da CySEC, lo è anche sul territorio italiano. Basta andare sul sito web ufficiale della stessa Consob, nella sezione dedicata ai broker regolamentati (albo imprese di investimento – Imprese di investimento con succursale oppure senza succursale) per verificare se la piattaforma di brokeraggio prescelta si attiene o meno a tali normative e se riconosciuta dagli organi competenti. Importante cercare sempre la società che gestisce la piattaforma e non il nome del sito che trovate sul web. Per capire se un broker è regolare , cercare la società che lo gestisce nella sezione chi siamo, contattaci o a piè pagina nell’informativa sui rischi, ad esempio. E’ normale invece, che qualora non lo fosse, sarà molto difficile trovarlo, dato che non potrà esporre alcun riconoscimento ufficiale da parte di un’autorità come appunto la Consob o la Cysec.

Altro modo per verificare se una piattaforma operante nel trading delle opzioni binarie è regolamentata consultare il sito web ufficiale della CySEC, la “cyprus securities and exchange commission” di Cipro, che, come detto, è la commissione che si occupa di vigilare e garantire la sicurezza degli scambi e dei titoli in territorio cipriota.

Se nella sezione License Members troviamo la società che gestisce la piattaforma vorrà dire che tale gestore è stato autorizzato dalla CySEC ad operare con le opzioni binarie in tutto il territorio della Ue.

Affidarsi ad un broker regolamentato è molto importante in quanto è costui a garantirci sicurezza e professionalità negli scambi sul mercato.
Opportuno a tal motivo fare le apposite verifiche prima di affidarsi ad una piattaforma per capire chi sono i protagonisti più sicuri all’interno del mondo del trading delle opzioni binarie.

Leave your comment