Imminente lancio di Yahoo nel poker online

Come dice appunto il titolo dell’articolo sembrerebbe imminente l’entrata sul mercato del poker online real money da parte del colosso Yahoo.
Notizia che stà rimbalzando in rete dopo che la società ha lanciato il suo software per giocare a poker online in versione play money.
Secondo le dichiarazioni di Marc Eldman professore associato di giurisprudenza al City University of New York’s Baruch College, redattore di Forbes, Yahoo sarebbe pronta a lanciarsi nel mercato americano del poker online.
Ecco cosa ha scritto lo stesso Eldman sul Forbes:

“Il nuovo portale di texas hold’em di Yahoo potrebbe presto offrire giochi real money se il contesto giuridico dovesse diventare più favorevole, e potrebbe anche presentare domanda di autorizzazione ad operare nell’ambito del casinò online real money, soltanto però negli Stati che hanno già legalizzato i giochi online da Casinò, ovvero Delaware, New Jersey e Nevada”.

Moltissimi giocatori hanno già manifestato il loro apprezzamento riguardo all’ingresso sul mercato da parte di Yahoo.
Una cosa è certa, Yahoo è considerato un colosso nel mondo virtuale ed è in possesso delle conoscenze e dei capitali necessari a creare un nuovo sito di poker.
Se fosse realmente così, Amaya Gaming ed 888 Holdings si troveranno di fronte ad una grossa concorrenza e questo non può che giovare a tutti i player sparsi nel mondo.

Dopo 7 anni Vicky Coren lascia Pokerstars

La prima conseguenza della repentina virata verso i giochi da Casinò e scommesse adottata da pokerstars è stata la recente domanda di dimissioni da parte di uno dei team player storici del team pokerstars, stiamo parlando di Victoria Coren-Mitchell, l’unica giocatrice che è stata capace di vincere ben due titoli EPT nella storia del torneo.
Da indiscrezioni sembrerebbe che l’addio fra la giocatrice e la società sia arrivato proprio il giorno dopo dell’annuncio da parte di pokerstars del suo nuovo percorso.
Calcolate che la bellissima Victoria fa parte di pokerstars dal lontano 2007, la Coren ha anche dichiarato quanto segue:

“Non posso fare finta di nulla quando il mio istinto mi dice subito di lasciare perdere, non voglio criticare PokerStars, il business è business, e so che è quello che la gente alla fine vuole e che intendono rispettare tutti i principi del gioco responsabile. E non ce l’ho neanche con i casinò visto tutto il tempo che passo in quelli terrestri e tutti sanno che amo il gioco dal vivo. Non posso però sostenere questo né professionalmente né pubblicamente e né accettare passivamente quello che decide la mia room. Il poker è il gioco che amo e quello che mi sono impegnata a promuovere. Ma ho sempre detto nelle interviste di essere contro le dipendenze del gioco e che nel poker i valori sono molto differenti rispetto ai casinò dove molte persone vulnerabili e disperate possono trovare situazioni e ambienti molto pericolosi”.

La società non ha assolutamente imposto alla giocatrice di promuovere i giochi da Casinò ma sembra che la Coren non sia riuscita a restare indifferente alla tendenza del nuovo business.
I dirigenti di pokerstars attraverso la voce di Eric Hollreiser, responsabile della comunicazione di PokerStars, non hanno rilasciato dichiarazioni particolari, hanno solo detto che rispettano la decisione della giocatrice, che sono molto dispiaciuti visti tutti gli anni gloriosi passati assieme e l’anno ringraziata per tutto quello che ha fatto e per tutti gli obiettivi che ha raggiunto sotto il loro marchio facendole un “in bocca al lupo” per il futuro.

Le normative del poker online approvate dal senato